• Mer 19 Giu 2024

Castello di Meleto – Vigna Casi – Chianti Classico DOCG Riserva – 2015

La vigna e la cantina

La vigna di sangiovese, dalla quale sono state ottenute le uve per questa Riserva, è allevata in località Casi su pendii ricoperti da suoli prevalentemente argillosi ricchi di alberese e galestro nonché di ferro, zolfo e quarzo. Il vigneto, realizzato tra il 1990 e il 1995, è gestito parte a cordone speronato e parte ad alberello ed è situato a una quota di circa 450m s.l.m.

La fermentazione alcolica – a carico dei lieviti autoctoni – è stata svolta in serbatoi di acciaio; in seguito, il vino è stato trasferito in vasche di cemento dove ha effettuato la fermentazione malolattica; infine, il Vigna Casi 2015 è stato affinato, per metà della massa, in botti di rovere di Slavonia per un periodo di 18 mesi mentre la parte rimanente è stata affinata in barrique di secondo e terzo passaggio.

La degustazione

Dal calice – nel quale questo Chianti Classico DOCG Riserva ci regala un luminoso color granato in cui si scorgono gli ultimi riflessi rubino, testimoni di una gioventù ancora non sopita – emerge un quadro olfattivo intenso, fine e tipico che apre con le note fruttate dei duroni di Vignola ben maturi, affiancati a quelle dei mirtilli neri e delle more di rovo oltre che da evidenti profumi di violetta fresca. Dopo una breve attesa, e un’appena accennata rotazione del calice, il suo bouquet si arricchisce dei sentori speziati del pepe nero, della noce moscata, della liquirizia nera e della vaniglia, il tutto armoniosamente affiancato da sensazioni di cioccolato fondente e rosmarino; l’intera paletta olfattiva è, infine, percorsa da un’evidente verticalità balsamica e da una sfumatura ematica che contribuisce ad arricchirne la complessità e il fascino.

Il sorso spicca per un’inattesa gioventù in virtù di una tessitura tannica fitta, dolce ma ancora piacevolmente nervosa e di una freschezza vivida ma perfettamente integrata nella struttura del vino che sfoggia un corpo importante, un’evidente morbidezza e una sensazione alcolica avvolgente e garbatamente calda.

La beva, pertanto, risulta gradevole, importante, ricca di carattere e personalità nonché capace di reclamare con autorità il sorso successivo; lunga la persistenza.

Degustazione del giorno 18 novembre 2023; bottiglia appartenente al lotto L020218

Contatti

Castello di Meleto

53013, Gaiole in Chianti (SI)

booking@castellomeleto.it

www.castellomeleto.it

Read Previous

La Chiara a Gavi: un’Azienda tra famiglia e mercati

Read Next

Fattoria Mancini: il pinot nero napoleonico sulle scogliere di Focara