• Lun 15 Apr 2024

Il Falchetto – Bricco Paradiso – Barbera d’Asti Docg Superiore – 2017

I vigneti di Tenuta Bricco Paradiso, in comune di Agliano Terme (AT), sono costituiti da uve merlot e barbera; queste vigne crescono su versanti costituiti da marne limose e argillose e sabbie rossastre con presenza di depositi alluvionali ricoperti da suolo profondo, calcareo e con elevata presenza di limo e argilla. La Tenuta è sita a un’altitudine di 380m s.l.m. e gode di esposizione sud-occidentale.

Da questa vigna provengono le uve barbera in purezza che danno origine all’omonimo vino, prodotto solo nelle migliori annate che, dopo la vinificazione, matura in legni piccoli di rovere francese per un periodo di circa 14 mesi.

Il suo impenetrabile, ma lucente, color rubino funge da prologo a un bouquet capace di coniugare intensità e finezza e che, inizialmente, risulta improntato alle tipiche note di ciliegia matura nonché ai ben presenti sentori speziati di incenso, chiodi di garofano e vaniglia, quest’ultima ancora un po’ marcata a causa della giovane età del vino. Col trascorrere dei minuti, dal calice emergono nuove sensazioni quali quelle floreali dei petali di rosa leggermente appassiti e quelle tostate del cioccolato affiancate a profumi più dolci che riportano alla mente la caramella Rossana.

Il sorso – polposo, ampio e ricco – svela un corpo strutturato, una grande morbidezza e una piacevole sensazione di calore che trovano il loro perfetto contrappunto nella vivida freschezza – così tipica del vitigno – e nei tannini setosi, fitti e dolci e, nel contempo, vivi e ben percepibili che accarezzano il palato con decisa gentilezza; molto lunga la persistenza.

Una Barbera d’Asti Docg Superiore davvero di eccellente fattura capace di far convivere le caratteristiche irrinunciabili del vitigno con una vena di modernità.

Degustazione del giorno 28 febbraio 2020

Azienda Agricola Tenuta il Falchetto

Loc. Valle Tinella – Frazione Ciombi. 16

12058, Santo Stefano Belbo (CN)

tenuta@ilfalchetto.com

www.ilfalchetto.com

Read Previous

Cantina Kurtatsch – Amos – Alto Adige Bianco Doc – 2015

Read Next

Derthona 2.0: il timorasso e la storia di un percorso virtuoso