• Mar 05 Dic 2023

I grandi Spumanti Metodo Classico di Monsupello: la responsabilità di continuare il lavoro di Carlo Boatti

Dopo alcuni anni passati a presentare vini, cantine ed eventi del mondo del vino, percorrendo migliaia e migliaia di chilometri, girando di cantina in cantina, ho deciso di dare ancora più spazio ai veri protagonisti di questo magico mondo, i produttori: da qui l’idea di farveli conoscere, intervistando uno ad uno tutti coloro che hanno aderito a www.italiadelvino.com . Il progetto è ambizioso, perché si tratta di fare qualche centinaio d’interviste. Ho così deciso di avvalermi anche della penna di alcuni dei collaboratori-colleghi che mi hanno accompagnato in tratti di questo percorso. Il primo è Augusto Gentilli.

Mauro Giacomo Bertolli

2016-03-24
Ci sono persone che sono capaci di lasciare un’impronta del loro passaggio, un segno nelle persone che le hanno conosciute e un’eredità per quelle che non ne hanno avuto l’opportunità. Persone che hanno una visione diversa, più ampia e lucida della realtà del loro tempo e della loro vita. Ci sono, insomma, persone come Carlo Boatti che, con l’aiuto fondamentale della moglie Carla, ha lasciato – ai suoi figli, Laura e Pierangelo, all’Oltrepò Pavese e all’Italia tutta – un’Azienda sinonimo di qualità certa e indiscutibile.
Con alcune domande a Pierangelo Boatti proviamo ad approfondire la conoscenza di Monsupello, questa grande realtà divenuta una punto di riferimento per tanti enoappassionati.

Le interviste di

http://www.italiadelvino.com/.. ../..p?id_redazionale=504

Read Previous

Parliamo dell’Azienda Vinicola Emilio Franzoni di Botticino, piccolo comune del bresciano

Read Next

La Mornasca, antico vitigno recuperato da Domenico Cuneo