• Sab 13 Lug 2024

Pinot bianco – Linea “Le Rarità” – Cantina di Terlano – 2004

Il Pinot bianco 2004 – Linea “Le Rarità” della Cantina di Terlano rappresenta pienamente le grandi capacità di invecchiamento nonché le eccellenti finezza e complessità di questo vitigno e, più in generale, dei vini di questa celebre Cantina.

Questo vino è ottenuto con una vinificazione in acciaio, svolgimento parziale della fermentazione malolattica (50%) e affinamento per 12 mesi sui lieviti fini in botti di legno grandi. In seguito, è soggetto a un ulteriore affinamento per almeno 10 anni sui lieviti fini in serbatoi d’acciaio a pressione.

Nel calice, si presenta ancora di un luminosissimo e cristallino color paglierino reso ancora più affascinante da poche pennellate dorate che ne lasciano già intuire l’integrità e l’eccellente evoluzione. È, però, al naso che il Pinot bianco “Le Rarità” 2004 può iniziare veramente a esprimere il proprio valore avvolgendoci in un bouquet elegante, fine e sinceramente commovente. La fragranza della frutta gialla – l’albicocca su tutto – è ammantata da gradevoli sensazioni di zucchero vanigliato, piccola pasticceria e cedro candito. Con il trascorrere dei minuti, l’insieme viene attraversato da una sequenza di sensazioni capaci di spaziare dalla grafite alle erbe provenzali per giungere fino alle note balsamiche e verticali della mentuccia fresca e del ginepro.

In bocca non cessa di stupire, coniugando grassezza, corpo, vibrante freschezza e nitida sapidità dando così vita a un insieme elegantemente armonico dall’infinita persistenza.

Un vino che non può essere dimenticato e che vivrà nella memoria nell’attesa di un nuovo assaggio.

Degustazione del 6 luglio 2017 nel corso della serata “La Storia si veste di Bianco” organizzata dalla Delegazione Fisar di Pavia in collaborazione con la Cantina di Terlano

Cantina Terlano

Via Silberleiten 7

39018, Terlano (BZ)

office@cantina-terlano.com

www.cantina-terlano.com

Read Previous

Il mio Bottiglie Aperte 2017: qualità, cultura e passione

Read Next

Calatroni si racconta…