• Lun 15 Apr 2024

Calatroni si racconta…

Cristian e Stefano, potreste brevemente raccontarci quali siano, a vostro avviso, le caratteristiche che meglio tratteggiano la vostra Azienda?

L’azienda, in primis, è frutto della storia del nostro territorio che la vede nascere nel 1964 da nostro nonno alla fine del suo contratto di mezzadria; prima di questa svolta, la coltivazione dei medesimi vigneti, che tutt’ora gestiamo, era tramandata di padre in figlio con il titolo di mezzadro. Queste nostre radici condizionano molto la nostra filosofia di vita ma sopratutto i nostri vini che vogliono mirare a far emergere lo splendido territorio in cui viviamo.

Col vostro lavoro avete ottenuto importanti risultati in modo particolare nella produzione di spumanti Metodo Classico a base Pinot nero: quali sono gli aspetti e i valori che maggiormente cercate di mettere in evidenza in tali prodotti?

La nostra fantastica valle è tutt’ora considerata uno dei bacini più vocati alla coltivazione del Pinot nero in Italia; la nostra missione sta nel farla emergere e comunicarla con le nostre bottiglie. I terreni calcarei, le esposizioni e le altitudini dell’alta valle Versa hanno la capacita di stimolare tutti gli elementi e le acidità necessarie a rendere unico un Metodo Classico.

Voi avete aderito al progetto “Bonarda dei Produttori”: potreste brevemente raccontarci in cosa consiste tale progetto e quali sono le connotazioni delle Bonarda che ne derivano, ad esempio la vostra Vigiö?

Il nostro progetto nasce dalla volontà di vedere il nostro vino storico in una posizione diversa da quella in cui è precipitato negli ultimi anni. Il progetto Bonarda dei Produttori prevede un disciplinare molto più restrittivo di quello vigente con l’obbligo per le aziende partecipanti di curare tutta la filiera produttiva, dalla parte agricola a quella di vinificazione.
Il nostro Vigiö porta il nome dialettale di nostro nonno (Luigi) ed è a lui che abbiamo dedicato questo vino che vuole trasmettere la tenacia di chi crede nei propri progetti e vuole comunicare un vino ed un territorio al pieno delle proprie potenzialità.

Read Previous

Pinot bianco – Linea “Le Rarità” – Cantina di Terlano – 2004

Read Next

Monteverro, il vino e la macchia