• Lun 27 Mag 2024

Grappa riserva di Nebbiolo, Elena Borra

Anche se il tempo non è tra i migliori per affrontare le strade, la voglia di visitare una distilleria non manca ne a me ne a cloro che condividono le mie passioni. Allora via, si parte: andiamo alla distilleria: “Vieux Moulin” strada Sotto Rocche,7, Castigliole d’Asti (Asti)

Mi sono veramente soddisfatto nell’assaggio di questa grappa. L’amica Elena ci ha presentato un prodotto che ci ha incantato. Sul tavolo una strana bottiglia con un’etichetta, che non vuole farsi nominare tale, si sta ossigenando. L’occhio viene colpito da un colore giallo maturo con riflessi dorati che fanno riconoscere un lungo invecchiamento in buon legno.

Versiamo e portiamo al naso il calice, grande è il bouquet di sensazioni che ci avvolgono. Una punta alcolica ci assale, ma con piacere la sentiamo dissolversi immediatamente lasciandoci poi circondare da ampi profumi dove un buon legno si apre facendosi portatore di intense note tipiche del vitigno di origine. In bocca sensazioni piene ed imponenti, un tripudio di vaniglia, tabacco, un tocco di cioccolato che si mischia con tipici frutti rossi e maturi una leggera nota balsamica non ci lascia senza interpretare la grande intensità.

Il retrolfatto ci dona un calore forte come la sua persistenza e si fa ancora carico di ridare tutte le capacità gustative già provate. A lungo rimane nel palato la bontà di un grado alcolico che con i suoi 48% vuole farsi riassaggiare. Il finale è sempre in evoluzione, ci si accoccola in un abbandono di piacere, quasi passionale, lasciandoci riscaldare dai preziosi ricordi che ci restano nella mente. Affascinante.

Read Previous

Si pensa, si lavora, si mangia. Il Ristorante La Ragnatela – Trattoria Cooperativa di Scaltenigo di Mirano (VE)

Read Next

La Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti oggi e domani: intervista alla nuova presidente Matilde Poggi