• Lun 24 Giu 2024

Ottantotto Barriques: Distilleria Luigi Francoli

Una serata di degustazione passata con il dott. Alessandro Francoli ci ha permesso di assaggiare un prodotto che ci ha veramente stupiti e meravigliati.

Abbiamo degustato la “OTTANTOTTO BARRIQUES” , una grappa che racchiude nel suo nome e nel suo gusto una storia famigliare di vita. Ottantotto sono gli anni passati dalla prima distillazione della Francoli in Ghemme. Lo stesso numero viene riconosciuto dal numero delle barriques che Luigi comperò in un’unica soluzione. Oggi sono ancora attive e rispecchiano la filosofia dei Francoli.

Il risultato ci è apparso splendido, un distillato che si mostra con una grande intensità di riflessi dorati ed ambrati. I profumi al naso sono innumerevoli e fini, si sentono i nobili sentori della frutta passita che tende a mischiare la fresca confettura con la candita riconoscibile da un tenue e armonioso agrume. In bocca si impone prepotentemente con un grado alcolico di 43.5% che non nasconde la dolcezza dell’invecchiamento e che con la sua lunga permanenza rende vellutata la sensazione di vaniglia, un delicato punto di tabacco e di foglie di te e, continuamente, la frutta candita sulla lingua.

Nel retro olfatto ci rifà percorrere tutta la gamma di sentori già riconosciuti lasciando spiccare un punto di pepe. La persistenza continua imperterrita ad essere presente con un calore apprezzabilissimo. Abbiamo lasciato molto poco nella bottiglia, abbiamo voluto assaggiarla e riassaggiarla molto bene, quel poco rimasto ci è bastato appena per fare una foto alla bottiglia, dopo di che l’abbiamo terminata dicendoci: ottima, peccato, ce ne vorrebbe un’altra.

Read Previous

Il vino del sabato: Monferrato Bianco DOC 2012

Read Next

Il vino del sabato: Vino, cuore ed entusiasmo: il Trebbiano spoletino di Antonelli San Marco